BPER Forum Monzani
Spazio di sapere e di passioni.

GIANNI OLIVA E GIOVANNI DE LUNA

GIANNI OLIVA E GIOVANNI DE LUNA
26/04/2015

ore 17.30

"La memoria rende liberi? La Resistenza settant'anni dopo."

In collaborazione con l'Istituto Storico di Modena

 

Gianni Oliva, "Il tesoro dei vinti"- Mondadori

Il 28 aprile 1945, i partigiani della 52° brigata Garibaldi arrestano a Dongo Mussolini e alcuni gerarchi in fuga verso la Svizzera: tra i bagagli vengono trovati lingotti d’oro, valuta straniera, gioielli, il cosiddetto “oro di Dongo”. Il tesoro viene depositato in municipio, inventariato da alcuni partigiani, ed essendo ritenuto proprietà dello Stato italiano viene destinato al Comitato di liberazione nazionale dell’Alta Italia di Milano. In realtà, solo una parte del tesoro vi arriva: il resto sparisce. E, soprattutto, “spariscono” alcuni partigiani garibaldini che sapevano dove fosse finito l’oro ed erano considerati potenziali testimoni. Nel 1957 si è svolto un processo alla Corte d’Assise di Padova, interrotto dopo una quarantina di udienze perché uno dei giudici popolari si suicidò: le testimonianze raccolte permettevano di ricondurre a esponenti del Pci la responsabilità di essersi impossessati del “tesoro”. Il processo non venne più ripreso e il mistero è rimasto. In occasione del 70° anniversario della morte di Mussolini, Gianni Oliva ricostruisce la “verità” sull’oro di Dongo, almeno per quanto emerge dalle carte processuali, in un saggio storico che si legge come un vero thriller.

Giovanni De Luna, "La Resistenza perfetta" - Feltrinelli

Sono decenni, ormai, che la Resistenza è sottoposta a uno scrutinio costante da parte di storici, ma anche di giornalisti e opinionisti. E se una volta poteva essere provocatorio fare le pulci al mito dei partigiani e parlare di guerra civile mettendo sullo stesso piano le fazioni in lotta, oggi molta di questa vulgata è diventata un sottofondo quasi dato per scontato. Il rischio è che ci dimentichiamo, e che le giovani generazioni non sappiano mai, quanto di nobile, puro e davvero all’altezza del suo mito c’è stato nella lotta partigiana. Nel settantesimo anniversario della Liberazione, Giovanni De Luna ha voluto mettere di nuovo a punto un’immagine della Resistenza che si stava offuscando. Con grande efficacia, De Luna ha scelto una storia, un luogo, alcuni personaggi: un castello in Piemonte, una famiglia nobile che decide di aiutare i partigiani, la figlia più giovane, Leletta D’Isola, che annota sul suo diario quei mesi terribili ma anche meravigliosi in cui comunisti e monarchici, aristocratici e contadini, ragazzi alle prime armi e ufficiali dell’ex esercito regio lottarono, morirono, uccisero per salvare la loro patria, la loro libertà, il futuro di una nazione intera.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti